Archivio per agosto 2009

26
Ago
09

Pure Fashion: emergenti 2

Seconda puntata dedicata a stilisti emergenti e bravi. Stavolta voglio parlare di Keera Coutur, marchio in cui mi sono imbattuta praticamente per caso, mentre saltellavo qua e là per Second Life. Keera è una stilista italiana, la cui punta di forza sta soprattutto nella cura nei particolari.

Così, un semplice vestito corto da giorno diventa delizioso grazie ad una texture a delicati fiorellini e alla scollatura dorata, tanto simile ad una collana (le scarpe sono incluse).

vestitoafiori copia

Mi ha colpito moltissimo il vestito da sera “Cloudine” per la luminosità della texture, che sembra proprio raso frusciante, ed anche per i colori così vividi e freschi.

AngelGate_012fpi

Un abito romantico, adatto ad atmosfere d’altri tempi, con il quale si può giocare a fare le principesse di un regno lontano e magico.

AngelGate_009 copia

Ci sono però anche i capi casuals: jeans con cintura, pantaloncini, camicette, vestiti da giorno. Ecco però come una semplice camica, grazie alle maniche, alla cintura , ad inserzioni come i taschini e i bottoncini , si trasforma in un  casuals di classe.

Snapshot_014flicr copia

I vestiti sono completati anche da scarpe e i prezzi sono accessibilissimi.

Credits:

All dresses and shoes: Keera Couture

Skin: Petal June doe by Curio

Hair: Photo 1 and 4: Jess gift by TRUTH ; Photo 2 and 3: Fantasy bun (platinum gold) by Eshi Otawara

Poses and AO: Garbo AO and model poses 3 by BehaviorBody

Photo 4

Jeans: Coco Ensemble Tweed Menthe et Jeans  by Coco & Co.

Sunglasses: LS Glasses by Akafun

Annunci
23
Ago
09

Pure Fashion: emergenti 1

Ci sono molti stilisti affermati a Second Life, creatori di abiti e accessori bellissimi, ma esistono anche una marea di marchi più piccoli, meno famosi, emergenti che possono riservare soprese interessanti. Il  marchio BG Moda di Bignolina Itano è secondo me uno di questi.

A Bignolina piace il casual, ma con un tocco sexy che rende le sue creazioni spesso molto maliziose e seducenti.  E’ una moda giovane, disinvolta, divertente e ammiccante. A lei piace giocare sui dettagli, i tagli arditi, le texture originali, inoltre i suoi pezzi comprendono anche scarpe e stivali di qualità e a prezzi davvero ottimi. Ha negozi sparsi un po’ ovunque nelle land italiane e sembra decisamente in crescita.

Ecco qualche modello: i suoi jeans mutanda;

Mutanda copia

Il vestito corto e sexy;

vestito copia

La salopette.

Salopette copia

Credits:

All dresses and shoes: BG Moda

Skin: Petal doe 2 by Curio

Photo 1

Hair: Cheryl D… by TRUTH

Photo 2

Hair: Jess gift by TRUTH

Necklace: Chunky Choker by MALT;

Jarretiere:  Le Petit Jarretiere noir, gift by Courtisane.

Ring: Red & Gold Butterfly Ring from ICED

Bracelets:  Line bangles (candy) by eLDee

Photo 3

Hat: Barbara Hat, gift by TESLA

Bag and bracelet: Medicine Hip Bag and bracelet by Jinn Pow Kinn

21
Ago
09

Sì, viaggiare: il guscio e i mondi virtuali

A volte capita, per i motivi più disparati, che i confini del nostro mondo reale si restringano come un guscio. Alcuni il guscio se lo cercano, altri non ci soffrono molto a starci dentro ( può essere, infatti, molto comodo e protettivo), ad altri invece può creare un senso di disagio. Negli ultimi tempi la mia real life è molto simile ad un guscio, i cui confini si sono ristretti, non tanto da farla somigliare ad una prigone, ma abbastanza per provocarmi un certo fastidio.

Una delle peculiarità di Second Life, però, è la possibilità di esplorare mondi che nascono dai sogni e dalla passione di tante persone di talento, perciò una delle attività preferite da molti dei suoi abitanti è quella di visitare queste numerose e spesso splendide terre. Certo, questo non può davvero sostituire un viaggio reale che è un’esperienza complessa, che coinvolge tutti i sensi, le emozioni, la mente, il pensiero. Nessuna viaggio virtuale può rimpiazzare i profumi, la sensazione del sole sulla pelle e dell’aria che entra nei polmoni, nè il senso di straniamento, la sopresa di fronte all’inatteso, la gioia del riconoscimento, il sollievo o il rincrescimento del ritorno.

Eppure esplorare Second Life può essere divertente e, ad un livello più profondo, persino questa sorta di surrogato può suggerire esperienze e infondere emozioni. E’ vero, esse si limitano a provenire da un unica fonte: la vista, e ciò può apparire veramente limitante. Ma non sempre, non sempre. Perchè, spesso, basta anche la stimolazione di un solo senso affinchè si metta in moto l’immaginazione, la facoltà più vivificante e coinvolgente, capace di aprire alla visione. E la visione è lì dentro di te, vivida, da molto prima che qualcosa di esterno la stimoli e la faccia emergere.

Si dice che Emilio Salgari, che ha descritto nei suoi romanzi i luoghi più esotici della sua terra di allora, le jungle più misteriose, i mari lontani e sconfinati, le albe e i tramonti su terre sconosciute, le notti più nere del mantello di molte belve, i sentimenti di chi è braccato, o di coloro che si perdono e si ritrovano, non si sia mai spostato dalla sua casa e che le sue avventure le creava sui libri e sugli atlanti. Mi chiedo cosa avrebbe provato davanti agli “spazi” visivi di Second Life.

Quale occasione rappresenta la virtualità per chi sa immaginare?

Così, per questa estate, dentro il mio guscio, ho viaggiato attraverso Second Life con curiosità e allegria, esagerando alla grande, perchè qui, si possono fare cose (o immaginare di fare cose) che i limiti fisici del mondo reale ci proibiscono o ci rendono difficile.

Perciò, ad esempio, si può ballare sulla Torre Eiffel di una immaginaria Parigi sul mare.

torre_003

Aggirarsi con aria intellettuale in un solo giorno per musei ai lati opposti del mondo,

Museo_002

magari per poi scoppiare a ridere senza motivo davanti alla foto della casa sulle cascate di Wright.

Museo_024

E ancora, partecipare ad un safari fotografico in Africa, senza il timore di finire nel ventre dei nostri affascinanti quanto affamati modelli.

1_030

O, infine, perdersi, maliconicamente, tra le rovine misteriose di civiltà scomparse da secoli.

Africa_019

E tutto ciò senza mai scalfire il guscio… Vi pare poco!

Credits

All Photos

Skin: Petal doe 2 by Curio

Eyes: Angelina’s Eyes by Eish

Poses: Garbo AO and Poses 3 by BehaviorBody

Photo 1

Location: Paris – New York

Hair: Zoe – Natural Blond by Maitreya

Dress: Thalia’s Fashion Gift by Thalia’s Fashion Collection

Photos 2 and 3

Locations: 1 Virtual Bucharest 2 The Frank Lloyd Wright

Dress: Kei plum by ElDee

Hair: Jess gift by TRUTH

Shoes: Coquette by Kalnins Footwear

Glasses: sorry I don’t know, they are a gift

Bag: Shoulder bag Paris Pink, gift by MALT

Photo 4

Location: Cape Town Africa inSL!

Outift and shoes: salopette brown and boots by BG Moda

Necklace: Loveable Necklace, gift by MALT

Bag and bracelet: Medicine Hip Bag and bracelet by Jinn Pow Kinn

Hat: Barbara Hat, gift by TESLA

Photo 5

Location: The Ruins Music Stage on Pathfin

Dress and Bindis: Calangute dress in blue and Indian Bindi (gift) by Zaara

Necklace: Roundie necklace gold by YourSkin & YourShape Shop

Bracelets: I don’t know, sorry ^^

Hair: Zoe – Natural Blond by Maitreya

PS: un particolare ringraziamento a Sabin Ferraris per avermi fatto conoscere The Ruins